News

21/09/2018

Anno scolastico, è falsa partenza: «Serve un pressing sul Governo»

Rivendicare una dotazione supplementare di almeno 150 Ata, di cui 80 da destinare alle segreterie per supplire alla forte carenza di direttori amministrativi. Ottenere nuovi posti per docenti di sostegno, in deroga alle dotazioni già assegnate, anche alla luce delle ripetute sentenze dei Tar in materia di diritto allo studio degli alunni diversamente abili o con difficoltà di apprendimento. Sbloccare i fondi sull’edilizia scolastica e universitaria già stanziati a livello regionale, per avviare quantomeno gli interventi più urgenti di messa a norma degli istituti. Queste le principali richieste che le segreterie regionali della Cgil e del suo sindacato scuola, la Flc, hanno consegnato oggi nelle mani dell’assessore regionale Alessia Rosolen, nel corso dell’incontro tenutosi a Trieste nel primo pomeriggio.
ALLARME «Pur nella consapevolezza che gran parte delle questioni da noi poste non rientrano nella sfera d’azione della Regione – spiega il segretario della Flc Adriano Zonta – siamo certi che un’azione sinergia della Giunta, dell’ufficio scolastico e dei sindacati sul Governo possa contribuire a risolvere, quantomeno parzialmente, le forti criticità che stanno caratterizzando l’inizio di quest’anno scolastico. Criticità che la cosiddetta legge sulla “Buona scuola” – aggiunge Zonta – non ha risolto e anzi in certi casi aggravato, soprattutto, ma non soltanto, con riferimento ai meccanismi di selezione dei docenti, con particolare riferimento ad alcune classi di concorso, come la matematica e le lingue, e alle scuole di lingua slovena». Un vero e proprio grido d’allarme, quello lanciato dalla Cgil, che ha segnalato all’assessore come molte scuole, dopo quasi due settimane dall’avvio delle lezioni, stiano ancora funzionando ad orario ridotto o con altre soluzioni per supplire alla mancanza di insegnati.
150 ATA Ad aggravare il problema la forte carenza di Ata e in particolare di personale amministrativo. «Sui 172 istituti di questa regione – spiega Zonta – un centinaio opera senza un dirigente scolastico titolare, e 50 senza un direttore dei servizi amministrativi, quello che un tempo si chiamava segretario». Ecco perché, nella dotazione aggiuntiva di 150 Ata che il Fvg deve rivendicare nei confronti del ministero, una metà abbondante (circa 80 figure) dovrà essere destinata ai servizi amministrativi. Necessario inoltre, secondo la Cgil, consentire il distacco dall’insegnamento dei docenti che attualmente svolgono la funzione di vicari del dirigente.
STRANIERI «Forte preoccupazione» è stata espressa dalla Cgil per il caso Monfalcone, «dove il tetto alla presenza di alunni stranieri nelle scuole materne rappresenta una soluzione inaccettabile – ha detto Zonta – perché determina di fatto un’esclusione su base etnica». Fermo no della Cgil anche alla recente proposta di istituire classi ponte, avanzata da parte del sindaco Cisint, «che non segna nessun passo in avanti sulla strada dell’integrazione tra italiani e stranieri», ha aggiunto Zonta, rilevando anche le «perplessità espresse dell’assessore sulle soluzioni adottate a Monfalcone, pur di fronte a un problema che la rappresentante della Giunta considera di non facile soluzione».
EDILIZIA SCOLASTICA. Tra le novità emerse dall’incontro l’ingente entità di fondi sull’edilizia scolastica e universitaria fermi per motivi di ordine burocratico, confermata alla Cgil dallo stesso assessore, che ritiene ci siano tutte le possibilità per accelerare gli interventi più urgenti di messa a norma, rivendicati con forza dal sindacato per la sicurezza dei lavoratori e degli studenti.
FORMAZIONE E UNIVERSITÀ. Sempre con riferimento alle carenze di docenti, la Cgil ha segnalato all’assessore come i problemi della scuola pubblica si ripercuotano a cascata sugli enti di formazione, anch’essi in forte difficoltà nella selezione del personale. Da qui la proposta della Cgil di attingere alle graduatorie di terza fascia degli istituti scolastici, per coprire almeno parte del fabbisogno degli enti. Preoccupazione, infine, è stata espressa all’assessore per la competizione che ancora caratterizza i rapporti tra le due università della regione, «ancora lontane – secondo Zonta – da una vera politica di cooperazione». Anche alla luce di questo la Cgil chiede un maggiore controllo da parte della Regione sulla destinazione dei fondi da essa destinati al sostegno dei due atenei, «fondi che devono essere destinati – sostiene la Cgil – a migliorare la qualità dell’offerta di corsi a beneficio del territorio regionale e dell’attrattività dei nostri atenei verso l’esterno».

Rassegna Stampa

18/10/2018

Economia, Regione, Lavoro.
Una selezione delle principali notizie

Rassegna stampa Cgil Fvg

La rassegna di oggi [ 92 KB ]
vai all'archivio